Per info   |  

LA CARRIERA DI CLAUDIA PIASERICO DI MISIS

"Mi sono diplomata al Liceo Classico Pigafetta di Vicenza e ho proseguito gli studi laureandomi in Giurisprudenza. Ho ultimato con il tirocinio legale e un master in gestione risorse umane. Solo al termine di tutto il percorso formativo ho ralizzato che quel tipo di lavoro non mi apparteneva e mi sono affacciata alla realtà aziendale familiare e ho iniziato a creare gioielli dapprima per me poi" seriamente"..facendo diventare questo gioco un lavoro. Cosi in pochi anni ho dato una svolta alla vecchia realtà aziendale trasformandola da realtà di grossista a brand.

I momenti fondamentali per la mia carriera devo distinguerli in categorie diverse e alcuni appartengono alla sfera personale e familiare. L'ostinazione di mio padre nel non volermi in azienda mi ha fatto sviluppare una determinazione e una tenacia che oggi sono fondamentali per affrontare la quotidianità aziendale e di mercato; quindi i tanti momenti di difficoltà e attrito sono stati determinanti per costruire e rafforzare la passione e la consapevolezza del mio lavoro. Sotto un profilo professionale riconosco quale momento più importante il conseguimento del Premio Marisa Bellisario nel 2011 per il design nel Made In Italy; questo non solo mi ha dato visibilità ed è sicuramente stato un trampolino di lancio per nuove relazioni e nuove opportunità, ma è stata una conferma importante che ha conferito al mio lavoro e alla mia zienda maggior autorevolezza. Altresì importante la carica in Confindustria come Presidente della sezione orafa e argentiera di Vicenza che mi permette ogni giorno di conoscere e approfondire tematiche importanti relative alla mia professione.

Nella sua banalità per me il successo è strattamente correlato alla capacità di credere in quello che si fa e nel perseverare al fine di ottenere cio che si desidera, passo dopo passo, giorno dopo giorno, valorizzando ogni singolo e minimo aspetto del bello di ciò che si fa.

E il mondo del gioiello, oggi, ha bisogno di riacquistare dignità. Il gioiello non è un bene rifugio, o quantomeno non è solo quello. Il gioiello da sempre è parte dello stile, dell'eleganza, della bellezza e della classe di una donna. E' la donna che deve riniziare ad apprezzarlo come tale smettendo di metterlo all'ultimo posto dopo tecnologia, abbigliamento, scarpe , borse. E' il consumatore che va rieducato. Le aziende si sono o si stanno già trasformando in realtà più attuali con alto grado di specializzazione e competenza. Va solo rafforzato a mio modo di vedere l'importanza di del design e della cura anche estetica del prodotto gioiello."

WJA ITALY

Storia

Il 6 maggio 2001 14 donne hanno dato vita al capitolo italiano di WJA, Women’s Jewelry Association, un’organizzazione che negli Stati Uniti conta su oltre mille associate, donne che operano con entusiasmo e passione nella Jewelry Industry a livello mondiale e che oggi, attraverso questo importante network, condividono le proprie storie personali e professionali per raggiungere i più ambiziosi risultati, sostenendosi reciprocamente...

Scopri di Più >

Board

Consiglio Direttivo

  • Presidente (con delega alla Formazione) Alba Cappellieri
  • Vicepresidente (con delega al Marketing) Pilar Coin
  • Past President (con delega alla Produzione) Licia Mattioli
  • Tesoriere/Segretario Alessandra Agrò
  • Distribuzione e Retail Silvia Meani
  • Internazionalizzazione Francoise Izaude
  • Comunicazione e Media Sonia Benigni
  • Fiere ed Eventi Patrizia Rovaris
  • Rapporti con le Istituzioni Irene Pivetti

Delegate poli orafi territoriali

  • Valenza Alessia Crivelli
  • Arezzo Paola Bagnoli
  • Vicenza Claudia Piaserico
  • Milano Isabella Traglio
  • Napoli TDG Francesca Liverino

Contenuti e Web

  • Livia Tenuta

Segreteria e Organizzativa

  • Carolina Lotto

Statuto

Clicca qui per visualizzare e scaricare lo statuto competo dell'associazione.

Mission

WJA Italy ha l’obiettivo di unire le diverse competenze delle donne legate al panorama orafo per creare collaborazioni e sempre nuove connessioni tra le diverse aree.

Il progetto, la produzione, la formazione, la promozione e la comunicazione rappresentano la forza e la speranza del mondo del gioiello ma devono dialogare e fare sistema e la WJA vuole essere il palcoscenico di questo incontro.

WJA nel Mondo